AL VIA LA RIFORMA DELLO SPORT

Giovedì, 23 Marzo 2023 11:05

La nuova riforma, d.lgs. 36/2021, avrà un grande impatto soprattutto sui sodalizi sportivi a partire dal 1°Luglio. Per farsi trovare preparati riordiniamo le idee …

Si dovrà procedura ad un rilettura  dello statuto sociale , ponendo maggiore attenzione su

  • Oggetto sociale – svolgimento attività sportive in via principale
  • Possibilità di svolgere attività secondarie e strumentali
  • Con la presenza della clausola di incompatibilità del ruolo amministrativo in più sodalizio affiliati bisogna apportare gli adeguamenti previsti dall’art.11nd.lgs. 36/2021
  • Qualora ci sia la norma sul divieto di lucro indiretto , verificare la conformità previsto dal comma.2 art.8

Nel caso in cui il sodalizio sportivo volesse richiedere l’iscrizione al RUNTS per diventare ente del terzo settore, si dovrà verificare anche qua la conformità alle previsioni del D.LGS. 117/2017. In tal caso le associazione dovranno prevedere l’lettorato attivo  per gli associati minorenni, che eserciteranno il loro “diritto” di voto tramite chi esercita su di essi la potestà genitoriale. Successivamente sia le società di capitali che le cooperative dovranno procedere alla valutazione di opportunità di inserimento nello statuto la distribuzione di utili ; in merito il decreto non determina i termini entro i quali queste modifiche devono essere apportate da parte dei soggetti che sono già iscritti al CONI. Oltre il CONI, sappiamo che i sodalizi sportivi devono fare riferimento anche al  RAS , il è a tutti gli effetti un registro pubblico , e grazie al quale, qualora dopo l’ispezione di ispettori di dipartimento, si decretino dei comportamenti illegittimi non sanati entro un termine perentorio, il RAS specifica che non può essere determinata una perdita di qualifica di ente dilettantistico, fino a che non viene emanato un provvedimento di cancellazione.

Gli adempimenti previsti dall’art.33 co.6 , relativo alla nomina del responsabile della protezione dei minori, potranno essere posticipati fino alla data di approvazione del decreto specifico , il quale dovrà essere emanato entro il 30 giugno 2024. Sulla base di ciò verrà verificato, che i minori prima di essere tesserati dovranno aver prestato il loro consenso previsa sottoscrizione.

Come ultimo step si dovrà ricontrollare l’elenco di tutti i soggetti , sia che svolgono attività a favore del sodalizio sia che per loro conto, i quali dovranno essere suddivisi in 4 gruppi:

  • Volontari
  • Lavoratori sportivi
  • Addetti all’impianto sportivo
  • Amministrativo

In riferimento ai volontari , sono coloro che mettono a disposizione del sodalizio, in questo caso, i loro tempo e capacità con il fine di promuovere lo sport in maniera personale, spontanea e gratuita, con i soli fini amatoriali. Per essi vi è la possibilità sia di essere tesserati  che non essere tesserati  , ma ciò che si consigli sempre è quello di tesserare poiché al tesseramento viene , assegnato in maniera automatica, la copertura di responsabilità civile; nel caso in cui , nella copertura dell’ente affiliante non è disponibile la responsabilità civile m sarà necessario sottoscrivere un’apposita polizza.